homepage
 
  01 02 recensioni 05 06  
logo03
logo02   down  
 

 

1693 CATANIA Rinascita di una città
Liliane Dufour, Henri Raymond

Domenico Sanfilippo Editore - Catania

HOMECATALOGOINFO

  
acquista il libro

1693 CATANIA Rinascita di una città - Liliane Dufour, Henri Raymond

fotografie
Giuseppe Leone

veste editoriale
f.to cm 24 x 34
308 pagine
carta Larius mat
da 175 grammi
183 illustrazioni a colori e bianco e nero
copertina in Imitlin stampata a secco
sovraccoperta Ingress cover e pelle
stampata a secco e oro a caldo

isbn 88-85127-13-4

Euro 125,00 >> (Esaurito)

DISPONIBILE Edizione di lusso con cofanetto e copertina rivestita in Ingress cover e pelle stampata a secco e oro a caldo

Euro 180,00 acquista il libro >>

Descrizione
1693-1993: trecento anni da uno spaventoso terremoto ("Qui fu Catania" scrissero i cronisti dell'epoca) ma anche dall'inizio di un'opera di ricostruzione talmente illuminata ed eccezionale da far emergere Giuseppe Lanza duca di Camastra, che ne fu la guida, come il capostipite delle grandi figure di ricostruttori d'Europa: dal marchese Pombal che rifece Lisbona dopo il 1755, al barone Hausmann che ridisegnò Parigi dopo l'Ottocento.

Questo volume celebra dunque un avvenimento che si inserisce tra le grandi imprese dell'Europa moderna, documentando con il massimo rigore storico e scientifico e con grande ricchezza iconografica il nascere, all'ombra dell'Etna, di una splendida città barocca. In un momento storico e sociale in cui in Sicilia si è alla disperata ricerca di esempi positivi, riappropriarsi della "storia sommersa" della ricostruzione del Val di Noto è importante: coloro che leggeranno quest'opera si convinceranno che, nei giorni terribili di un disastro difficile da immaginare, i siciliani seppero dare testimonianza di una vitalità "emersa" e civile.

Dalla presentazione del prof. Leonardo Urbani: "Ritengo che la Dufour e Raymond mostrino, finalmente in maniera corretta, il fenomeno barocco come profondamente legato alle società locali, sia pure nella loro pluripolare articolazione in diversi ceti e istituzioni. (…) Si comprende che la "società barocca" portava in sé una "cultura urbanistica semplice" nella quale si incontravano addetti ai lavori ed utenti, costruttori e cittadini"
.

AZIENDA | COLLANE | RECENSIONI| ACQUISTA | CONTATTI

© 2004-2019 - Domenico Sanfilippo Editore - Catania
Tutti i diritti sono riservati - E' vietato ogni tipo di riproduzione